giovedì 24 dicembre 2009

Il Thermos con le classifiche dentro

Il penultimo appuntamento per quest’anno con il Thermos del mercoledì (quello di "polaroid") è andato in onda lo scorso 9 dicembre, e io e la Fagotta ci siamo divertiti a suonare le nostre Classifiche dei Dischi dell'Anno. Podcast ed mp3 come sempre li trovate su Vitaminic. Questa è la playlist:

Suburban Kids With Biblical Names – 1999
Great Lake Swimmers – Stealing Tomorrow
Uochi Toki – Il nonno, il bisnonno
Passion Pit – Little Secrets
The Drums – I Felt Stupid
Dent May & His Magnificent Ukulele – Lovesong 2009
The Calorifer Is Very Hot! – Lester
Marcilo Agro e il Duo Maravilha – Mi ricordo
The Wave Pictures – Come on Daniel
A Classic Education – Stay, Son
Fine Before You Came – Natale
Girls – Lust For Life
Phoenix – Lasso
Darren Hayman & The Secondary Modern – Pram Town
Andrew Bird – Oh No
The Pains Of Being Pure At Heart – This Love Is Fucking Right
Fanfarlo – The Walls Are Coming Down
Let’s Wrestle – We Are The Men You’ll Grow To Love Soon

lunedì 21 dicembre 2009

Freddo tropicale

Lunedì 21 - in studio Michele e Gaspare Caliri di SentireAscoltare

Thunderheist - Nothing 2 Step 2 (s/t - Big Dada)
Tune Yards - Hatari (Bird Brains - 4AD)
Seu Jorge & Ana Carolina - Carolina (Seu & Ana Ao Vivo - Sony Brasil 2006)
King Midas Sound - Cool Out (Waiting for You - Hyperdub)
Minus 8 - Give It Back (Feat Virag) (Slow Motion - Compost)
Helado Negro - Awe (Awe Owe - Ashtmatic Kitty)
The Electones - Death With Benefits (If You'll Be Null, I'll Be Void - Beatservice)
Oneida - Brownout Lagos (Rated 0 - Jagjaguwar)
Pieces of Peace - Pollution (s/t - Cali Tex/Quannum Projects 1972/2006)
The Slits - So Tough - (Cut - 4 Men With Beards 2005)
Vanessa Da Mata - Fugiu Com A Novela (Multishow Ao Vivo - Sony Brasil)
Hexlove - Caged Heat (Your Love Of Music Will Play An Important Part In Your Life - Porter)
James Pants - This Christmas Girl) ('AaVv - Badd Santa - A Stones Throw Records Xmas' - Stones Throw Records 2008)

mercoledì 16 dicembre 2009

Lascia...? Raddoppia!!!



Amiche e amici, ieri sera Thermos del martedì e Seconda Visione hanno raddoppiato in esaltante joint venture per una puntata deluxe di quiz a premi, cazzeggio troglodita, lancio di souvenir e tanto altro ancora... Con gaudio sottolineo che i cinque nuovi abbonati reclutati ieri sera (uno anche dalla rossa Belgrado... mica cazzi!), hanno risposto prontamente ai quesiti su Chaplin, Erykah Badu, Darby Crash/John Lennon, Conan il distruttore, Jesus Lizard...! Con Thermos ci sentiamo martedì prossimo!
PS: a chi indovina i personaggi ritratti nelle foto offro personalmente da bere all'aperitivo della radio sabato sera alla Pillola 400 http://www.lapillola.net/ in via Algardi alla Bolognina... yeah!

lunedì 14 dicembre 2009

Thermos del lunedì (campagna abbonamenti)


In studio quiz dischi e canzoni con Jonathan Clancy e Michele Restuccia

Fagget Fairys - Feed The Hors (Club Dub) (Promo cds - Music for Dreams)
Lonely Galaxy - Have A Heart (web solamente, il video e il pezzo da qui)
Ladytron - Tomorrow (Port Royal remix) (Tomorrow' cds - Nettwerk)
Spectrals - Keep Your Magic Out of my House (anticipazione da qui)
Vanessa Da Mata - Vermelho (Multishow Ao Vivo - Sony Brasil)
The Antlers - Bear (Hospice - Frenchkiss)
Lushlife - In Soft Focus (feat Ezra Koening) (Cassette City - Rapster)
Ducktails - Beach Point Pleasant (Landscapes - Old English Spelling Bee)
Dani Siciliano - Extra Ordinary (Likes - !K7 2004) in concerto venerdi' 18 a Carpi per Ctrl+C Festival
Universal Studios Florida - Autobahn Periques (EP - Little Furry Things)
Moodyman - Rectify ('AaVv - Underworld vs the Misterons' - !K7)
Circlesquare - Untitled (for christmas) regalo via newsletter di ! K7 e ripreso qua

Due thermos al prezzo di uno

Tra feste, dj-set e concerti non si riesce a stare dietro al calendario del rutilante Thermos del mercoledì, quello di polaroid. E così questa settimana vi beccate due puntate al prezzo di una. E per di più senza la Fagotta on the mike. Andiamo con le tracklist:

25 novembre
Califone - 1928
Real Estate - Suburban Dogs
The Notwist - Boneless (Grizzly Bear remix)
Wild Honey – To Steal A Piece Of Art
Lucky Soul - White Russian Doll
The Calorifer Is Very Hot - Dying Bursting Out
[in collegamento da Roma La Donna di Prestigio per la rubrica "Alcolismo & Moquette" o forse "Remixorama"]
Flying Lotus – Testament (Breakage's Bill's Suit Mix)
My Awesome Mixtape - Hearts To Lend
Letting Up Despite Great Faults - The Colors Aren't You Or Me
Best Coast - When I'm With You
Liechtenstein - By Staying Here (We Will Slowly Disappear)
The Mary Onettes - Puzzles
Damien* - Unaware Unaware
Stricken City - P.S.

2 dicembre
[ospite in studio: Max di Complottoemmezzo]
Shout Out Louds - Walls
A Classic Education - What My Life Could Have Been
Local Natives - Airplanes
Boyracer - I Wish It Could Be Christmas Everyday
The Clientele - Never Anyone But You
Clare and The Reasons - Ooh You Hurt Me So
Dum Dum Girls - Jail La La
Girls - Morning Light
The Feelies - Fa-Ce-La
Tap Tap - Half Moon Street
The Mary Onettes - God Knows I Had Plans

Trovate podcast ed mp3, come sempre, su Vitaminic.

lunedì 7 dicembre 2009

mix pre festivo

Compressi dagli impegni pre-festivi Jonathan e Michele vi danno appuntamento in diretta a lunedì prossimo, 14/12,all'avvio della campagna abbonamenti della radio.
Questa sera ascolterete un mix curato da Michele col sorriso di Jonathan, che contiene le seguenti canzoni:

The Mole - Intro

Polvo - Production Values
Mono-Poly - Oil Fields (http://dublab.com/mp3blog?id=1314)
Hermeto Pascoal - Banda Encarnação
Floating Points - Truly
Wackies Rhythm Force - Movie Show Dubwise (edit)
FM Belfast - Frequency
Womack & Womack - Conscious Of My Conscience
Gang Gang Dance - First Communion (Tv On The Radio Mix)
Arthur Verocai - Na Boca Do Sol
Basil Hardaus - Make Me Dance (Hard for the Dj)
Lamb - Transfatty Acid (Kruder & Dorfmeister Remix)
Archie Shepp - Attica Blues
Kate Wax - Cash On Time (Dave The Hustler Remix)
Midaircondo - Could You Please Stop
Simon Dupree and The Big Sound - Kites



mercoledì 2 dicembre 2009

Purple is the Colour









Amiche e amici, anche Thermos si tinge di viola questa settimana... A cosa pensate se dico "immacolata concezione"? Eh, lo so: tante cose umide e pruriginose... Martedì prossimo, 8 dicembre, Thermos non andrà in onda: santificherò la festa avviando le pratiche per lo sbattezzo... Fatta questa doverosa premessa vado diretto alla playlist di ieri sera, saluti a tutti, alla prossima!

Califone, Funeral Singers, da All My Friends Are Funeral Singers (Dead Oceans, 2009)
Flaming Lips, Powerless, da Embryonic (Warner Bros, 2009)
Mission of Burma, Forget Yourself, da The Sound The Speed The Light (Matador, 2009)
Tortoise, Gigantes, da Beacons of Ancestorship (Thrill Jockey, 2009)
Nomo, Waiting, da Invisible Cities (Ubiquity, 2009)
Philip Cohran & the Artistic Heritage Ensemble, The African Look, da VV. AA. Freedom Rhythm & Sound, Revolutionary Jazz & the Civil Rights Movement 1963-82 (Soul Jazz, 2009)
The Pharaohs, Freedom Time, da VV. AA. Freedom Rhythm & Sound, Revolutionary Jazz & the Civil Rights Movement 1963-82 (Soul Jazz, 2009)
Shackleton, Mountains of Ashes, da Three Eps (Perlon, 2009)
King Midas Sound, Cool Out, da Waiting For You (Hyperdub, 2009)
Benga, On the Edge, da VV. AA. Steppas' Delight, Dubstep Present to Future (Soul Jazz, 2009)
Von D ft. Phephe, Show Me, da VV. AA. Steppas' Delight, Dubstep Present to Future (Soul Jazz, 2009)
2562, Flashback, da Unbalance (Tectonic, 2009)
Virus Syndicate, Hijack, da Malaria EP (Contagious, 2009)

Concerti segnalati: Germs, lunedì 7 Locomotiv (ci sarà anche Darby Crash in streaming dall'oltretomba) e Andrew Weatherall, lunedì 7 Kindergarten (dalla sigla di Thermos si materializzerà anche il fantomatico e funambolico Matteo Lavagna... ciao Matte!).

lunedì 30 novembre 2009

Dai che ieri per 3 secondi non era grigio

Thermos di lunedì 30 novembre. In studio precisi e riposati Michele Restuccia e Jonathan Clancy.

Grizzly Bear - Cheerleader (Neon Indian 'Studio 6669' Remix)
Mir - No Parts Inside (s/t - Wallace Records)
Dominant Legs - About My Girls (7" - True Panther)
Official Secrets Act - Bloodsport (Filthy Dukes remix)
Suicide - Rain Of Ruin (A Way Of Life - Blast First 1988)
Shafiq Husayn - Major Heavy feat. Sonny Coates & Coates Bass D(en'a free ka - rapster)
King Midas Sound - Meltdown (Waiting for You - Hyperdub)
Speech DeBelle - Go Then, Bye (Esser remix) (Go Then, Bye promo cds - Big Dada)
Washed Out - Phone Call (High Times - Mirror Universe Tapes)
Metric - Twilight Galaxy (Fantasies - Metric Productions)
The Sandwitches - Marry Me (How To Make Ambient Sadcake - Turn Up Records)
Yo Majesty - Don't Let Go (Radio Slave Vocal)
Atlas Sound - Criminals (Electronic Version) (Rough Trade EP - 4AD)
Lushlife - In Soft Focus (feat Ariel Pink) (Cassette City - Rapster)

mercoledì 25 novembre 2009

History Lesson Part II






Amiche e amici di Thermos, è sempre un piacere aprire la trasmissione con pezzi incantevoli... come J. City di Tyondai Braxton, canzone figlia dei Settanta più evoluti e del post-punk di This Heat e XTC. Un brano molto diverso dal resto dell'album Central Market (Warp), nel quale pare di sentire l'anima giocherellona dei Battles flirtare con Stravinsky e Ravel, in generale una sorta di divertissement/volgarizzazione pop dei linguaggi della musica classica e contemporanea che sto ascoltando con molto piacere in questi giorni. E che dire di Feed, dal nuovo The Sound The Speed The Light (Matador) dei Mission of Burma? Ho sempre nutrito un grande amore per questa band di hardcore evoluto che nei primissimi Ottanta mostrò precocemente una cifra stilistica assolutamente originale ed influente. Se amate band dall'impatto emotivo come gli Husker Du dovete scoprire assolutamente questa formazione di Boston meno nota ma altrettanto valida ed ancora in splendida forma. A seguire ci siamo sparati O Katrina!, il vero e proprio inno di quei Black Lips che tanta grinta e buon umore ci hanno trasmesso giovedì scorso al Covo: ci sono momenti in cui il garage di questi quattro ragazzotti americani pare uscire direttamente da Nuggets. Stanno facendo proseliti persino in ambienti non sospetti: hanno stretto amicizia con GZA del Wu Tang Clan ed insieme hanno registrato una bella versione di The Drop I Hold che ci siamo sentiti a ruota. In tema di concerti la settimana in città è ricca di appuntamenti romantici con artisti che hanno fatto scuola e storia nei loro rispettivi ambiti: Tortoise all'Estragon venerdì sera (buon disco davvero il loro nuovo Beacons of Ancestorship); Martin Rev e Pan Sonic sabato sera al Locomotiv; Mike Watt degli immensi ed indimenticabili Minutemen si esibirà invece domenica e sarà accompagnato da due ottimi musicisti come Andrea Belfi e Stefano Pilia. A proposito di Minutemen vi consiglio di recuperare questo bellissimo documentario uscito un paio d'anni fa sulla storia della band ed intitolato We Jam Econo. Date un'occhiata al trailer. Ci si becca allora... ecco la playlist della puntata di ieri:
Tyondai Braxton, J. City, da Central Market (Warp, 2009)
Mission of Burma, Feed, da The Sound The Speed The Light (Matador, 2009)
Black Lips, O Katrina!, da Good Bad Not Evil (Vice, 2007)
Black Lips ft. GZA, The Drop I Hold (2009)
Raekwon ft. Inspectah Deck, RZA & Tash Mahogany, Black Mozart, da Only Built for Cuban Linx pt. II (EMI, 2009)
Cage, I Found My Mind in Connecticut e I Lost It in Haverton, da Depart From Me (Definitive Jux, 2009)
Thavius Beck, Away, da Dialogue (Big Dada, 2009)
Shafiq Husayn ft. Fatima, Lil' Girl, da En-A-Free-Ka (Plug Research, 2009)
Horace Tapscott & The Pan Afrikan Peoples Arkestra, Peyote Song No. III, da Freedom Rhythm & Sound, Revolutionary Jazz & the Civil Rights Movement 1963-82 (Soul Jazz, 2009)
Tortoise, Charteroak Foundation, da Beacons of Ancestorship (Thrill Jockey, 2009)
Q-Tip, Do U Dig U?, da Kamaal/The Abstract (Battery, 2009)
Débruit ft. 215TFK & Stray, Soles Sweat, da Let's Post Funk (Civil Music, 2009)

lunedì 23 novembre 2009

Liquidità gustosa

Lunedì 23 in studio Gaspare Caliri + Michele Restuccia

Joy Orbison - Hyph Mngo ('Hyph Mngo / Wet Look' - Hotflush Recordings) **il suo remix di Love Cry di Four Tet da qui
James Holden - Lump (The Idiots Are Winning - Border Community - 2006)
John McEntire - J.I.H.A.D. ('AaVv - At Home With The Groovebox' - Grand Royal 1999) ** Tortoise in concerto a Bologna (Estragon) venerdì 27/11/09
The Horrors - The Three Decades (Primary Clours - XL)
Mùm - Awake on a Train (Live at BBC1 - 10 05 2001 cd-r)
Le Loup - Forgive Me (Family - Talitres)
Jennifer Gentle - Opel ('AaVv - Clowns & Jugglers, A Tribute To Syd Barrett' - Octopus)
Squarepusher - Delta V (Just aSouvenir - Warp Records 2008)
Sweet Exorcist - Clonk (Freebass) ('AaVv - Warp2 Classics 89-92' - Warp Records 1999)
Eddie Drennon - Disco Jam ('AaVv - Horse Meat Disco' - Strut)
Flipper - Sex Bomb (Album Generic - Domino 1981/2009)
Mark Pritchard - Heavy As Stone (cd-r)


Lavoretti in casa da cercare su internet

Eccoci a un nuovo appuntamento con il Thermos del mercoledì, quello di "polaroid". Il prestigio costa e bisogna proprio dire che Enzo e la Fagotta non badano a spese, soprattutto quando si tratta di gravare sulla bolletta telefonica della radio. Anche questa settimana, infatti, un paio di collegamenti preziosi ci hanno permesso di scoprire un sacco di cose sui lavoretti in casa e su quale caffè frequenta quel marpione del cantante dei Pains Of Being Pure At Heart. Ah, in mezzo ci sono state anche alcune canzoni e un po' di segnalazioni di concerti: di seguito la playlist, mentre su Vitaminic potete scaricare il podcast e riascoltare la puntata streaming:

Wild Honey - Whistling Rivalry
Grand Archives - Oslo Novelist
Girls - Headache
[collegamento con Beatrice per la sua rubrica che cambia sempre titolo]
Let's Wrestle - In Dreams
The Leisure Society – Save It For Someone Who Cares
The Lemonheads - Stove
[in collegamento con Elisa Graci da New York per la rubrica Everybody loves an italian girl ]
The Pains Of Being Pure At Heart - 103
Giardini di Mirò - La Vampa 02

mercoledì 18 novembre 2009

Freedom Rhythm & Sound




Amiche e amici di Thermos, la principale novità di cui abbiamo parlato ieri sera è una doppia uscita tematica della Soul Jazz Records dedicata al jazz "rivoluzionario" dei Sessanta e Settanta. Rivoluzionario per almeno due motivi: da un punto di vista artistico, musicisti di grandezza immane come Art Ensemble of Chicago, Archie Shepp, Sun Ra, Max Roach e tanti altri hanno letteralmente modificato il panorama culturale mondiale creando forme e linguaggi realmente nuovi ed esaltanti; da un punto di vista politico, queste musiche hanno accompagnato e fatto da colonna sonora alle durissime ed orgogliose lotte sociali del movimento per i diritti civili dei neri afroamericani, e talvolta hanno costituito veri e propri manifesti rivendicativi di pari dignità, afrocentrismo, libertà di espressione, uguaglianza, liberazione dal colonialismo. Due uscite complementari dicevamo: un doppio cd antologico intitolato Freedom Rhythm & Sound, Revolutionary Jazz & the Civil Rights Movement 1963-82, corredato da splendide foto che ritraggono, tra gli altri, Martin Luther King, Mohammed Alì, Black Panthers; e poi uno spettacolare libro formato 12" x 12", dunque dell'esatta grandezza di un LP, intitolato Freedom Rhythm & Sound, Revolutionary Jazz Original Cover Art 1965-83, e dedicato proprio ai particolari, creativi ed originali artwork tipici delle copertine dei dischi jazz di quel periodo, qui riprodotti in ampie e curate stampe... inutile dire che è un piacere ineguagliabile sfogliare queste pagine dense di storia, arte e dischi magnifici da gustare o riscoprire. Consiglio personale: poiché in quest'opera non è citato, un disco del 1960 che precorre assolutamente i tempi e che vi obbligo a recuperare è il fondamentale ed epocale We Insist! Freedom Now Suite di Max Roach, con una divina ed insuperabile Abbey Lincoln alla voce.
Ecco la playlist completa della puntata di ieri:
Mayer Hawthorne, Your Easy Lovin' Ain't Pleasin, da A Strange Arrangement (Stones Throw, 2009)
Q-Tip, Barely In Love, da Kamaal/The Abstract (Battery, 2009)
Bibio, Sugarette, da Ambivalence Avenue (Warp, 2009)
Pivot, Colorado (pezzo originale dei Grizzly Bear), da Warp Recreated (Warp, 2009)
Six Organs of Admittance, Actaeon's Fall, da Luminous Night (Drag City, 2009)
Giardini di Mirò, La favilla, da Il fuoco (Unhip, 2009)
Art Ensemble of Chicago, Old Time Religion, da Freedom Rhythm & Sound, Revolutionary Jazz & the Civil Rights Movement 1963-82 (Soul Jazz, 2009)
Shackleton, (No More) Negative Thoughts, da Three Eps (Perlon, 2009)
Hyetal, We Should Light a Fire, da Mary Anne Hobbs Wild Angels (Planet Mu, 2009)
Thavius Beck, Pressure, da Dialogue (Big Dada, 2009)
Mark Pritchard & Om'mas Keith, Wind It Up (Hyperdub, 2009)
Neil Landstrumm, The Coconut Kestrel, da Bambaataa Eats His Breakfast (Planet Mu, 2009)
Darkstar, Aidys Girl's a Computer, da 5 Years of Hyperdub (Hyperdub, 2009)



lunedì 16 novembre 2009

cassetta x gli amici


JC+MR conducono la puntata del lunedì che sembra una compilation C90 x amici.


Animal Collective - Brother Sport ('Brother Sport' promo cds - Domino)
Ebony Bones - Smiles & Cyanide (Bone of my Bones - Sunday Best)
James Poyser / The Rebel Yell - Spend the Night (Love & War - BBE/Rapster)
Lotus Plaza - Quicksand (The Floodlight Collective - Kranky) In concerto giovedì 18/11 al Clandestino di Faenza
King Sunny Ade & His African Beats - Synchro System (Synchro System - Island 1983)
Heinz - Just Like Eddie ('AaVv - Joe Meek The Alchemist of Pop' - Sanctuary 2002)
Dak - For the Sun (Standthis - Leaving Records) da dublab
Herbie Hancock
- Metal Beat (Extended Version by François Kevorkian & John Potoker) ('Metal Beat' 12" - Columbia 1984)

Dj T - To the Drum (The Inner Jukebox - Get Physical)
Black Lips - Veni Vidi Vici (Good Bad Not Evil - Vice 2007)
in concerto giovedì 19/11 al Covo di Bologna
Banjo Or Freakout - Left It Alone ('Left It Alone / Breath Out' 7" - Half Machine)
The Very Best - Chalo (Warm Heart of Africa - Moshi Moshi)
Mayer Hawthorne - The Hills (A Strange Arrangement - Stones Throw)

Frequently asked questions about time travel and podcast?

Il Thermos del mercoledì è quello di polaroid, con Enzo e la Fagotta, ma anche quello dei viaggi nel tempo.
Per esempio, questa scaletta risale al 4 novembre scorso, ma qui sul blog compare oggi. Che storia eh.
Download mp3 e streaming, come sempre chez Vitaminic.


Letting Up Despite Great Faults – In Steps
Girls In Trouble – I Was Desert
The Leisure Society – Love’s Enormous Wings
Magpie – Death Of the Lovers
Surfer Blood – Swim (To Reach The End)
Thao with the Get Down Stay Down – Cool Yourself
[in collegamento da Londra, Matteo "Valido" Zuffolini per la rubrica "Londonwatch"]
Piano Magic – Recovery Positions
Mayer Hawthorne – One Track Mind
Stricken City – Sometimes I Love You, Sometimes I Hate you
Frightened Rabbit – Swim Until You Can’t See Land
Buzz Aldrin – Let’s Walk The Children Around The Space
Death In Plains – Clippings
The Mantles – Look Away

mercoledì 11 novembre 2009

(No More) Negative Thoughts


Una dimensione contemplativa quella in cui ci siamo calati ieri sera: una realtà parallela le cui caratteristiche portanti sono sottrazione e reiterazione. Apertura dunque non a caso affidata a Q-Tip, che nella sua elegante e grintosa A Million Times, tratta da Kamaal/The Abstract, canta "Te l'ho detto un milione di volte /ma tu lo rifai di nuovo / e continuerai a farlo". La voce di Tim Rutili dei Califone affonda come una lama di coltello nei nostri cuori, come nel caso di Evidence, magnifica dolce rarefatta ballad, come loro sanno fare, contenuta nel nuovo album All My Friends Are Funeral Singers (su Dead Oceans). In quanto ad intensità emotiva e doti interpretative non è da meno Rain Machine e la sua Smiling Black Faces. L'estasi mistica la raggiungiamo con due uscite in casa Drag City: Luminous Night, nuovo album dei Six Organs Of Admittance di Ben Chasny e God Is Good degli Om. Dopo la sequenza delle rispettive Bar-Nasha e Cremation Ghat I e II ho visto la Luce nelle tenebre e anche Dio mi è sembrato un po' più buono del solito. Psichedelia in entrambi i casi ma con diversi connotati: radici nel folk per Six Organs, solide basi nei Black Sabbath e nel kraut-rock per gli Om. Perfetto preludio agli undici minuti di crescendo ritmico di Toive, dall'ultimo lavoro di Vladislav Delay su Leaf intitolato Tummaa. Guardate il nuovissimo video relativo proprio a questo pezzo. In tema di raffinatezze abbiamo proseguito con la stupenda reinterpretazione di 3/4 Heart dei mitici Black Dog ad opera di quel grande artista che risponde al nome di Mark Pritchard, negli ultimi tempi associato soprattutto alle sue stupende produzioni con il moniker Harmonic 313. Come forse già sapete, nell'ambito di Recreated gli artisti Warp festeggiano i vent'anni della casa madre offrendo versioni differenti di pezzi composti da altri compagni d'etichetta e di qui dunque l'origine di questa e delle altre cover. In fatto di originalità uno che si batte bene è Shackleton: un equilibrato mix di techno e dub con suggestioni tribali ed industrial che abbiamo avuto la fortuna di godere sabato sera al Link per via di un inatteso turn-over con Martyn. Il suo nuovo Three Eps (su Perlon) è certamente uno dei migliori dischi che voi possiate ascoltare in questo momento in ambito elettronico. Le sue precedenti produzioni su Skull Disco lasciavano presagire ottime cose. E così è stato. La stessa misura e grazia è percepibile nell'inedito di Burial, Fostercare, contenuto in 5 Years of Hyperdub. Inutile esprimere opinioni sulla leggiadria, la delicatezza e la carica innovativa di questo artista: basti questo video bellissimo a colmare il gap dialettico. Restando in ambito dubstep l'epilogo è stato tutto per Lost, dal nuovo album Unbalance su Tectonic di 2562, le cui produzioni sono in genere piuttosto chirurgiche e silicee ma talvolta riescono ad emanare un calore cyborg etereo, come sapevano fare una volta gli Autechre. Meditate gente, meditate... alla prossima!


lunedì 9 novembre 2009

Tutto in levare

la puntata di lunedì con michele in diretta e jon che cura a meraviglia il backoffice

The Years - Toasting (Vosotros Presents: The Years - vosotros.com)
Africa Hi Tech Feat Rio - Too Late ('AaVv - Various Assets' - Red Bull Music Academy 2008)
The Very Best - Kada Manja + Rain Dance (Warm Heart of Africa - Moshi Moshi)
Shafiq Husayn - Nirvana
Jon ci fa ascoltare:
Wild Nothing - Confirmation (self-released)
Small Black - Despicable Dogs ('s/t' 12" - self released)
J Dilla - Won't Do (Dillanthology 3 - Rapster)
Mir - Jimbo (s/t - Wallace Records)
Pete Dunaway - Supermarket
Midnight Juggernauts - This New Technology (Memory Tapes Remix)
Au Revoir Simone - Knight of Wands
Jon di nuovo:
Emil & Friends - Downed Economy ('s/t' 7" - Transparent)
Blind Man's Colour - Heavy Cloud Hussle (Season Dreaming - Kanine Records)
El Michel's Affair - Shimmy Shimmy Ya
Yacht - I'm in Love with a Ripper (See Mystery Lights - DFA)
Tamiko Jones - Let It Flow ('AaVv - Horse Meat Disco' - Strut Records)

mercoledì 4 novembre 2009

All'inseguimento della pappamobile


Puntata fradicia di riferimenti letterari ieri sera. Siamo partiti con questo progetto di hip hop cyberpunk con base nella Capitale e denominato Artificial Kid, come il romanzo di Bruce Sterling. Tra i membri Danno del Colle der Fomento per questo disco intitolato Numero 47, riconducibile a quel filone fantascientifico apocalittico, che a me piace assai, sulla scia di Company Flow, El-P, Deltron 3030 e Kool Keith. A proposito, se vi gusta la roba Def Jux, non perdetevi Depart from Me, ultimo album di Cage. Ieri ci siamo sparati Beat Kids. Spacca davvero. Dei Legion of Two e del loro mix fra post-rock alla Sand ed industrial dub alla Distance già vi ho parlato mentre vorrei fissare la vostra attenzione su Kamaal/The Abstract, album che Q-Tip ha dovuto tenere nel cassetto per otto lunghi anni e che inopinatamente, visti gli splendidi esiti dal sapore jazzy e rock, non aveva ancora visto le puntine dei nostri giradischi. Finalmente viene pubblicato, e suona comunque attualissimo, quasi fuori dal tempo... I suadenti vocalizzi di Mayer Hawthorne, con il suo A Strange Arrangement, meritano di attentare i vostri cuori: pare che Peanut Butter Wolf, boss della Stones Throw, non credesse al fatto che le sue composizioni fossero originali ma che provenissero direttamente dall'epoca d'oro del soul e del rythm 'n' blues tanto sono stilisticamente impeccabili. Stasera in concerto al Circolo degli artisti, Roma. Dopo gli affari di cuore largo ai papponi, figure classiche e tipiche dell'immaginario delle pellicole blaxploitation, così mirabilmente esaltati dalle note di Willie Hutch e di Isaac Hayes. In particolare abbiamo ascoltato due brani del 1973, Brothers Gonna Work It Out e Pursuit of the Pimpmobile, rispettivamente contenuti nella colonna sonora di The Mack e di Truck Turner, all'interno della pluricitata antologia Can You Dig It? The Music and Politics of Black Action Films 1968-75. Colonna sonora ideale per (ri)leggere uno dei capolavori della letteratura di strada del Novecento, l'autobiografia romanzata di Iceberg Slim, The Pimp, il pappa appunto. Se il suo linguaggio detonante e le sue imprese esilaranti vi lasciassero indifferenti consideratevi morti e sepolti da un pezzo. Cadaveri! Uno dei miei libri preferiti di sempre. Per la rubrica "serata imperdibile" questa settimana vi ho segnalato il doppio appuntamento di sabato al Link con due degli artisti più validi ed originali degli ultimi tempi in campo elettronico: Bodycode e Martyn, di cui ci siamo sentiti rispettivamente What Did You Say e Right? Star! Una seratona quella che si preannuncia al Link... In chiusura di trasmissione vi ho proposto la sovversiva e pressoché perfetta Rough Steez dall'ultimo lavoro dei Fuck Buttons e di seguito la scintillante Reflections dei redivivi e sempre grandissimi Antipop Consortium. Infine Thavius Beck ed il suo nuovo album Dialogue su Big Dada con cui si conferma voce forte e distinta nel panorama hip hop odierno più intellettuale, in quel filone capitanato da artisti del calibro di Saul Williams e Mike Ladd. Alla prossima!

Arretrati di Thermos

Il thermos del mercoledì, quello di polaroid, nonostante sia condotto da due persone giovani, dinamiche e intraprendenti, ovvero Enzo e la Fagotta, sta accumulando ritardi che neanche il Regionale per Vignola. Eccovi di seguito le scalette delle ultime due settimane, mentre incombe la già la nuova spumeggiante puntata di questa sera (in programma collegamenti telefonici internazionali per darci un tono e sacrificare ancora di più le economie della radio).
Come di consueto, trovate il podcast, mp3 e streaming su Vitaminic.

- 21 ottobre
Mayer Hawthorne – The Ills
Let’s Wrestle – Mr. Understanding (Pete & The Pirates cover)
Tap Tap – Queen of Hearts
Brown Recluse – Rotten Tangerines
Tender Trap – Fireworks
Karen O and The Kids – All Is Love
Jonathan Richman – Così Veloce
Built To Spill – Aisle 13
Girls – God Damned
[collegamento con Max per un nuovo episodio di Complottoemmezzo o forse "Il Complottometro"]
Amari – Dovresti dormire

- 28 ottobre


Pants Yell! – Cold Hands
Julian Casablancas – 11th Dimension
The Drums – Let’s Go Surfing (Knight School version)
The Mantles – Don’t Lie
That Ghost – The Red Bow
[collegamento con Aurelio Pasini per la rubrica "I consigli del Paso"]
The Leisure Society – A Matter of Time
Mumford and Sons – Little Lion Man
Black Candy – Straight To Your Hands
Girls – Lust For Life

lunedì 2 novembre 2009

thermos di lunedì 02/11

In studio col cashmere JC e MR:

Laura Greene - Manhattan ('AaVv - Horse Disco Meat' - Strut records)
Ty Segall - Standing in the Station (Lemons - Gones records)
TRG - Ghetto Romance ('AaVv - Round Black Ghosts' - scape)
MillionYoung - Chlorophyl (Sunndream EP - download qua)
Mugison - One Day She'll Park
Toro Y Moi - Left Alone At Night (Pink Skull Remix)(12" - The Savant Guard)
Sudden Weather Change - She Was a Cheerleader (da qua)
Washed Out - Get Up (Life Of Leisure EP - Mexican Summer)
Upperground Orchestra - Solaris Eremit ('Solaris Eremit' 12" - Morphine records 2008)
Desolation Wilderness - No Tomorrow (Version) (New Universe - K Records)
Ras G feat. Dakim - Shinelight (Brotha from Anotha Planet - Brainfeeder digital)
The Smith Westerns - Diamond Boys (s/t - Hozac Records)
The Juan Mclean - One Day (Surkin remix) ('One Day' promo cds - DFA)
Jay Reatard - Fluorescent Grey (Matador Singles '08 - Matador) in concerto sabato 07/11 al Covo Club
Kavinsky - Wayfarer (1986 - Record Makers) a mettere i dischi giovedì 05/11 al Locomotiv

venerdì 30 ottobre 2009

ACA(V)B

giovedi scorso l'aria della citta' era pregna dell'odore del vaccino antinfluenzale.

che, per inciso, ha lo stesso odore dello smog.

respirare a pieni polmoni, cosi, insieme, si ottiene vaccinazione e cancro ai polmoni. un affare.

poi, lottando contro una sinfonia di colpi di tosse, starnuti, flutti di catarro, rutti e scoreggie (gli antibiotici fanno gas!) dei passanti, ho alzato il volume e hanno suonato:


1 - Dj Dox - The Legacy: Roc Raida Tribute (download)

2 - Aux88 - Extraterrestrial time travelers (Puzzlebox)

3 - Kid Koala The Slew - It's all over (Ninja Tune)

4 - Assalti Frontali - Baghdad 1.9.9.1. (autoprodotto)

5 - Flaming Lips - Evil (Warner Bros)

6 - State of the Nation - Fine Day (Revelation)

7 - Melvins - Punch the Limo (Ipecac)

8 - Los Hermanos - Quetzal (Underground Resistance)

9 - Apparat - Steady Uprising (Shitkatapult)


This is Bologna, unfortunately...

mercoledì 28 ottobre 2009

Sooner or later


Alcuni eventi sono ineluttabili. Prima o poi accadono. A me è accaduto ieri sera, alle 20.55, proprio cinque minuti prima di andare in onda. Entro nel cesso degli uomini. Mi chiudo la porta alle spalle. Dopo aver espletato metto la mano sul pulsante del pomello. Panico. Non si apre. Provo a forzare nervosamente. Bloccato. Mi tasto le tasche dei pantaloni in cerca del cellulare. Niente, l'ho ovviamente lasciato nello studio. Quando serve veramente... Comincio a prendere a pugni l'antica maniglia. Nulla. Il "microfono aperto" di Radio Popolare sta per terminare, devo andare in onda di lì a poco e sono irreparabilmente segregato dentro un angusto e banalissimo cesso. Nessuno può sentirmi: diverse barriere architettoniche mi isolano acusticamente dal resto del genere umano. Il mio sguardo si leva epicamente verso l'alto. Non resta altro da fare. Senza fiatare opto per un gesto estremo: scavalcare l'alto muro che separa il cesso degli uomini da quello delle donne. Salgo in piedi sulla tazza e con un balzo felino mi appendo per le braccia. Mi sento Clint Eastwood in Fuga da Alcatraz. Con un colpo di reni metto su prima una gamba. Poi l'altra. Che gesti atletici... E che velocità d'esecuzione... un ginnasta sovietico. E' proprio vero: l'adrenalina moltiplica forza e concentrazione. Mi siedo lassù e mi dico: cazzo, non puoi crepare sfasciandoti il gulliver in un cesso di merda. Diventeresti una macabra barzelletta, una storiella da bar... Che modo stronzissimo è questo per salutare gli umani? E poi la Mietitrice mi ha predetto soltanto qualche giorno fa che morirò colto da un malore durante un'orgia... Ricordarlo mi rassicura. Dunque mi concentro. Non può finire così. Dopo qualche esitazione prendo la mira e mi lancio di sotto con un gran balzo, atterrando quasi sui talloni. Mi dico: ce l'ho fatta. Mi scrollo la polvere di dosso. Sono trascorsi solo due minuti ma mi è passata tutta la vita davanti. Sono in perfetto orario per andare in onda. E qui comincia la puntata di Thermos che avete ascoltato ieri sera. Ovvero:

The Vaselines, Son of a Gun, da Enter the Vaselines (Sub Pop, 2009)
Jennifer Gentle, Opel, da Vv. Aa. Clowns and Jugglers, A Tribute to Syd Barrett (Octopus, 2009)
Califone, Bunuel, da All My Friends Are Funeral Singers (Dead Oceans, 2009)
Mira Calix with Oliver Coates, In a Beautiful Place Out in the Country (pezzo originale dei Boards of Canada), da Warp 20 Recreated (Warp, 2009)
Suz, Choke, da Shape of Fear and Bravery (No.Mad, 2009)
Speech Debelle, Better Days (ft. Micachu), da Speech Therapy (Big Dada, 2009)
Roy Ayers, Coffy is the Color, da Vv. Aa. Can You Dig It? The Music and Politics of Black Action Films 1968-75 (Soul Jazz, 2009)
Nomo, Ma, da Invisible Cities (Ubiquity, 2009)
Flying Lotus, Infinitum (Dimlite's Re-finitum), da 3x3 (Warp, 2009)
Brackles, LHC, da Vv. Aa. Mary Ann Hobbs Wild Angels (Planet Mu, 2009)
Quarta 330, Bleeps From Outer Space, da Vv. Aa. 5 Years of Hyperdub (Hyperdub, 2009)

lunedì 26 ottobre 2009

Il 26 ottobre è un lunedì


In studio c'è Michele Restuccia. Jc torna con noi il 5 novembre.. miss u


Ribs 303 Phone Message ('AaVv - Horse Meat Disco' - Strut Records)
Jack Penate - So Near (Everything Is New - XL)
Chinese Man - Calling Bombay (The Groove Sessions Vol.2 - Chinese Man Records)
Au Revoir Simone - We Are Here (Still Night, Still Light - Moshi Moshi)
Garçons - French Boys ('AaVv - ZE30: ZE Records Story 1979-2009' - Strut Records)
Joy Orbison - Wet Look ('Hyph Mngo / Wet Look' - Hotflush Recordings) *** Qui una chicca...
James Poyser presents The Rebel Yell - Children of The Stars (Love & War - BBE/Rapster)
Metric - Help I'm Alive (Fantasies - Metric Productions)
Thunderheist - Nothing 2 Step 2 (Trevor Loveys remix) ('Nothing 2 step 2' cds - Big Dada)
Souleance - Mañana ('AaVv - Brownswood Bubblers 4' - Brownswood Recordings)
Mattia Coletti - Nagano (Pantagruele - Wallace Records / Towntone)
Gregg Diamond - Danger ('AaVv - Horse Meat Disco' - Strut)
Papercuts - Future Primitive (The Ruby Suns remix) ('Future Primitive' cds - Memphis Industries)
Our Brother The Native - Behold (Sacred Psalms - Fat Cat)
Mayer Hawthorne - Green Eyed Love (Classixx Remix) ('Green Eyed Love' 12'' - Stones Throw Records) *** (la trovate qui)

Vi siete persi Micachu & The Shapes al Covo sabato scorso? rimediate con questo piccolo live per dublab.com

a lunedì prox

mercoledì 21 ottobre 2009

Polaroid, il thermos del mercoledì... della settimana scorsa

Dopo una settimana non so nemmeno se si può chiamare ancora “podcast”.
Comunque vi ricopio lo stesso qui la scaletta della serata perché ai microfoni mi ha affiancato non già la solita Fagotta ma il buon Emanuele “Ehiuomo!” Rosso, che già conoscete per Pigiama Party la domenica mattina, e poi perché a metà trasmissione ci siamo collegati con Elisa Graci, in diretta dalla Grande Mela, che ci ha aggiornato su concerti, locali e la dura vita dell’hipster a Williamsburg. Per scaricare o ascoltare in streaming, la puntata è qui.

Tap Tap – Codeine
The Hidden Cameras – Colour of a Man
The Radio Dept. -Messy Enough (Pophitler cover)
The Drums – Submarine
My Awesome Mixtape – How the Feet Touch Ground
[in collegamento con Elisa Graci da New York per la nuova rubrica Everybody loves an italian girl ]
The Clientele – Never Anyone But You
The Flaming Lips – Sagittarius Silver Announcement
Damien* – Confidants
Amari – Tiger

Can You Dig It?









La puntata di ieri sera si è aperta nientepopodimeno che con Omar Souleyman, baffuta stella del pop siriano, che mi ha letteralmente travolto con la sua "Lansob Sherek". Provate ad ascoltare il suo ultimo album, "Dabke 2020" (Sublime Frequencies, 2009) ed in particolare quel folle ed irresistibile mix di musica tradizionale, pop e techno che lo rende speciale. Guardatelo in azione all'ultima edizione del Sonar. A seguire i Nomo, collettivo americano dedito ad un sound mirabile costituito in parti eguali da funk, jazz e afrobeat. Il loro ultimo splendido "Invisible Cities" (su Ubiquity) fa coppia inossidabile sul mio scaffale con l'ultimo lavoro degli Heliocentrics insieme a Mulatu Astatke. Ecco dunque a ruota Shafiq Husayn e la sua morbida e solare "Lil' Girl". Se amate i Sa-Ra ascoltate il lavoro solista di Shafiq e troverete pane per i vostri denti. Esce in questi giorni l'ennesima ottima antologia tematica in cui è specializzata la Soul Jazz Records:"Can You Dig It? The Music and Politics of Black Action Films 1968-75" raccoglie decine di hit soul-funk che hanno fatto da colonna sonora ai capolavori della Blaxploitation, i vari Shaft, Coffy, Superfly, Dolemite, ecc. A corredo del doppio cd un magnifico booklet di cento pagine più cartoline e stickers. Un must per gli appassionati o anche solo per i curiosi. Per la cronaca ieri sera ci siamo sentiti un pezzo da brividi di Bobby Womack, la celebre "Across 110th Street", dall'omonimo film del 1972. Kyp Malone in libera uscita dai Tv on the Radio ci regala l'omonimo Rain Machine, disco che non fa che approfondire l'amore per la band e per gli artisti in questione. Su un ponte nero fluorescente sfrecciano invece gli Antipop Consortium. In "NY to Tokyo", pezzo dallo stratosferico beat electro-hop, condividono il mic con mister Rodney Smith aka Roots Manuva. Un duo mc/producer che è giunto al naturale approdo cui era destinato, ovvero la Anticon, sono Serengeti & Polyphonic. Avant-hop originale con spunti interessanti e con il limite/pregio, vedete voi, della maggior parte delle uscite Anticon, la cervelloticità. Il loro nuovo album si chiama "Terradactyl". Il nuovo di Bibio su Warp, "Ambivalence Avenue", è invece perfetto per guardare la pioggia e camminare sulle foglie bagnate. Sempre su Warp esce "3x3", il terzo EP della serie a latere di Los Angeles di Flying Lotus. Splendido artwork da collezione e originali lavori di remissaggio e postproduzione da parte di un'ottima schiera di artisti emergenti dell'area glitch-hop. Il "Breakage's Bill's Suit Mix" di "Testament" ascoltato ieri sera è una progressione rock da paura. Una bellezza che inquieta e incute timore. Gran concerto l'altra sera al Locomotiv dei Fuck Buttons: potenti e viscerali. Se vogliamo far le pulci a questo duo possiamo dire che c'è ancora qualcosa che non convince completamente nel loro sound ma in certi momenti sono davvero esaltanti. Recuperate il loro nuovo "Tarot Sport" (ATP), prodotto da Andrew Weatherall. Dall'Irlanda vengono invece i Legion of Two con un bel dubbone industrial intitolato "It Really Does Take Time" e contenuto nel nuovo album "Riffs" (Planet Mu). Restando in tema vi ho segnalato l'uscita di un bel film documentario di Bruno Natal sulla storia e l'evoluzione del dub, da Lee Scratch Perry a Kode9, e sull'influenza da esso esercitata su tutte le musiche a venire, dall'hip hop al punk all'elettronica. Si intitola "Dub Echoes" ed esce in dvd per la solita benemerita Soul Jazz Records. Questo il trailer. In chiusura di trasmissione "Weekend Fly" di Cooly G dall'antologia "5 Years of Hyperdub" e "Coat of Arms" di Nosaj Thing, ottimo producer di cui vi ho parlato la settimana scorsa. Se venerdì andate a vedere i Mudhoney all'Estragon fatemi sapere com'è stato! Alla prossima!

lunedì 19 ottobre 2009

191009


in studio michele restuccia + gaspare caliri di sentireascoltare.com

speech de belle - buddy love - speech therapy - big dada
robert wyatt - born again cretin - radio experiment - tracce / raitrade
animal collective - summertime clothes - dam-funk remix - summertime clothes' cds - domino records
tune yards - sunlight - bird brains - marriage
shafiq husayn - lil girl feat fatima - shafiq en'a free ka - rapster
paul white - alien nature - the strange dreams of ... - one handed music
tiga - beep beep beep - loco dice remix - beep beep beep promo cds - pias
spacemen 3 - hey man - sound of confusion - fire
the red crayola - war sucks - the parable of arable land - international artists
phoenix - love like sunset part II - wolfgang amadeus phoenix - ghettoblaster
a u - rr vs d - versions - aagoo
mùm - blow your nose - sing along to song you don't know - morr music
on fillmore - off the path - extended vacation - dead oceans
fuck buttons - phantom limb - tarot sport - atp rcs
thank you - pregnant friends - terrible two - thrill jockey 2008 ** in concerto venerdì 23/10 a Officina 49 / Cesena
circlesquare - ten to one - matias aguayo remix - ten to one cds - !K7

venerdì 16 ottobre 2009

il potere antibiotico della de-graffitazione - thermos giovedi 15 ottobre 2009

sotto casa mia, hanno gia' cancellato i graffiti.
sara' un caso, ma sto gia' meglio.
la salute e' migliorata.
l'umore e' migliorato.
anche la mia bici va meglio.
il lettore cd non salta piu'.
maledetti graffiti, eravate voi la causa di tutte le disgrazie.
sono stato talmente contento, che ho preso un Molotow 420 PP smalto nero punta 1,5 cm, sono andato sotto casa ed ho scritto sul muro 'Delbono is a brotha'.
ho comunque chiesto alla mambo, hanno detto che questa era 'arte', quindi tutto a posto.

poi sono andato in radio, e ho messo questi dischi:

- big chief: cop kisser (sub pop)
- moritz von osvald trio: pattern 4 (honest jon)
- mudhoney: touch me i'm sick (sub pop)
- the xx: stars (demo)
- the xx: basic space - sampha remix (download)
- isis: hand of the host (ipecac)
- fine before you came: piovono pietre (FBYC)
- gong: oily way (virgin)
- fuck buttons: surf solar (atp)
- suz: shield machine (no mad)
- per la rubrica 'per quali ragioni alzarsi ed uscire la sera':
miglior concerto visto nella settimana: james chance and the (french) contortions (locomotiv - bologna)
miglior concerto saltato della settimana: pan sonic (locomotiv - bologna)
concerto al primo posto nell' agenda della prossima settimana: fuck buttons (locomotiv - bologna)

e' tutto a posto. parola di mambo.

mercoledì 14 ottobre 2009

Hyperthermos



Bentornati. Primo ascolto di ieri sera dedicato a Rain Machine, nuovo progetto solista di Kyp Malone, una delle due voci dei grandi TV on the Radio. Più intimista e cantautoriale, come si poteva presagire, ma in fondo non troppo. Chi ama i TVOTR, che a mio avviso sono band di classe superiore alla media nell'attuale panorama (anche dal vivo), troverà soddisfazione in questo side project. Date un'occhiata a questo bel video girato nella downtown di Los Angeles. Siamo quindi passati a "Even in the Rain" dei Fiery Furnaces, un pezzo tutto da fischiettare, come solo loro sanno fare, un motivetto dal sapore retrò che come al solito si appiccica in testa e non te lo scrolli più di dosso... Il concerto della settimana, qui a Bologna perlomeno, è senza dubbio quello dei Fuck Buttons, domenica sera al Locomotiv. Con il loro nuovo "Tarot Sport" (ATP Recordings) confermano quanto di buono esposto con il primo album. Come dire, lo stile avant noise psichedelico inaugurato da Black Dice / Gang Gang Dance che incontra le lunghe suites percussive dei Boredoms: siamo più o meno da quelle parti per intenderci ma il duo inglese ha saputo ritagliarsi un proprio spazio in questo filone... molto bravi, da vedere. A seguire ci stava proprio un bel pezzo dei Giardini di Mirò carico di una passionalità a tratti lacerante, "La vampa" ne "Il fuoco", il loro nuovo pregevole lavoro su Unhip. In un ambito che sarebbe riduttivo classificare semplicemente come trip hop un buon esordio è quello di Suz, "Shape of Fear and Bravery" (No.Mad Records). Ci sono alcuni brani davvero intensi e ben prodotti da Ezra ("Shield Machine" e "Choke" su tutti) che indicano che le qualità ci sono e che lavorandoci sopra Suz potrà raggiungere risultati anche superiori a quelli già espressi. Il torinese DJ Fede ha fatto invece uscire un 7" ispirato al poliziesco d'epoca, "Torino violenta", con sonorità funk e atmosfere d'altri tempi. Nel video immagini tratte proprio dall'omonimo film del 1977. Shafiq Husayn, normalmente al lavoro con Sa-Ra Creative Partners, da alle stampe il suo disco solista per la Plug Research, "Shafiq En-A-Free-Ka". Sulle sue qualità non si discute e ne abbiamo la prova anche in quest'album ma può fare ancora di più perché di classe ne ha parecchia e questo già lo sapevamo. Scaricatevi questo bel podcast con brani esclusivi non contenuti nel disco più altre ottime cose. Un'uscita importante è il doppio cd antologico che celebra un lustro di attività della Hyperdub, "5 Years of Hyperdub", una delle poche etichette che nel corso di questi anni ci ha fatto ascoltare sonorità realmente innovative in ambito elettronico. Non per nulla è la label che ci ha regalato Burial e non per nulla è gestita da Kode9, pioniere e tra i massimi interpreti del dubstep. Un cd con inediti, alcuni davvero notevoli, ed un altro che ripercorre il meglio del catalogo Hyperdub. Un acquisto consigliato, anche per il valore storico e documentario intrinseco. Un bravo producer come Nosaj Thing, nonostante sia di base nella Los Angeles di Flying Lotus e Daedelus, pare più assimilabile alla attuale scena dubstep/wonky d'oltremanica, o tuttalpiù allo stile più secco ed elegante di un Dabrye. Ascoltate quale splendido ed originale equilibrio riesce a stabilire nel suo "Drift", uscito su Alpha Pup. Consigliato. Di Neil Landstrumm e del suo "Bambaataa Eats His Breakfast" già abbiamo detto. Scaricatevi questo podcast che ha registrato per Resident Advisor perché in virtù dell'originalità e devianza del suo lavoro quest'uomo merita considerazione al giorno d'oggi. In chiusura di puntata due colossi dell'hip hop come Raekwon e Mos Def, dei quali potete leggere nei miei report delle scorse puntate di Thermos. Alla prossima, buon ascolto da Alarico Mantovani!

lunedì 12 ottobre 2009

Monday playlist per il 12 Ottobre

A condurre in studio Jonathan Clancy con Michele Restuccia in versione night owl dj con un bel mix finale!

Jonathan in studio:

Trailer Trash Tracys - Candy Girl (Candy Girl 7" - No Pain In Pop)
Fool's Gold - Surprise Hotel (
s/t - IAMSOUND)
Memory Tapes - Stop Talking (
Seek Magic - Acephale)
Vivian Girls - Walking Alone At Night (
Everything Goes Wrong - In The Red)
Mount Eerie - Ancient Questions (
Wind's Poem - Tomlab)
Thom Yorke - All For The Best (
AAVV The Songs Of Mark Mulcahy - The Mezzoting Label)
No Age - (
Loosing Feeling EP - Sub Pop)
Silk Flowers - Sand (
s/t - Post Present Medium)
Lisa Germano - Snow (
Magic Neighbor - Young God)
The Strange Boys - They're Building The Death Camps (
And Girls Club - In The Red)

Michele's mix on the run:

Koushik - Beep 20
Max Berlin - Elle et Moi
Gang Gang Dance - House Jam (Hot Chip remix)
Martyn - These Words ft. Bridge
The Lines - Airlift (Flood Blank - Acute records 2008)
Dj Mujava - Township Funk (Mark Pritchard's Version)





venerdì 9 ottobre 2009

Top Five del giovedi Thermos:

1 - Tachipirina 500 (Angelini Chimiche Riunite)
2 - Flumicil - 30bust 100mg (Torrino Medica)
3 - Lisomuc - versione sciroppo (Torrino Medica)
4 - Tamiflu (Roche)
5 - Buscofen (no label)

non credo si riescano a scaricare, ma ho i jpg dei testi, controindicazioni comprese.

aloha from hell


a.

mercoledì 7 ottobre 2009

Ala Eats His Breakfast


Piaciuta la puntata di ieri sera? Come al solito spettro ampio, dalle chitarre ai beatz. Siamo partiti dallo splendido fingerpicking di Egle Sommacal, sempre legato a doppio filo al maestro John Fahey ma con una novità sostanziale: nel suo nuovo lavoro, "Tanto non arriva" (Unhip), le composizioni sono sostenute da una sezione fiati che rende ancor più ricco, evocativo, espressivo e sfaccettato il discorso musicale del chitarrista dei Massimo Volume. Esperimento riuscito. Degli Heliocentrics abbiamo già detto l'altra volta: ieri sera ci siamo sentiti una eccezionale versione di "Distant Star", con l'apporto dei grandi Percee P e Doom al mic. Jazz rap stilosissimo! A seguire Terre Thaemlitz nei panni di DJ Sprinkles, "House Music Is Controllable Desire You Can Own" è minimal emocrepuscolare che stringe il cuore con classe ed eleganza infinite... amore al primo ascolto. Con Vladislav Delay ed il suo nuovo "Tummaa", appena uscito su Leaf, siamo in territori ambient glitch meditativi che tanto si addicono al finlandese: un disco rarefatto che non abusa dei clichés del genere e scorre come un fiume carsico. Tra le sorprese elettroniche di questi ultimi anni, per quanto mi riguarda, il sudafricano trapiantato in Europa Bodycode ha un posto d'onore: "I'll Hold Your Hand", inclusa nel suo "Immune" su Spectral Sound, è una perla di rara bellezza. Anche per "Castle Rising" di Nathan Fake (da "Hard Islands" su Border Community) vale lo stesso discorso: dieci minuti da manuale su come si può fare oggi elettronica raffinatissima ed anche ballabile, con saldi punti di riferimento ma al contempo avventuroso spirito di ricerca. Perfetto per introdurre lo "Schlump Funk" di Neil Landstrumm, una delle punte di diamante del wonky beats. Appena uscito il suo mini "Bambaataa Eats His Breakfast", che approfondisce lo stile cui era approdato con "Lord for £39". La prolifica Planet Mu sforna anche l'esordio di un duo di Dublino davvero tosto, i Legion of Two: "Riffs" è una sorta di industrial-noise-dub che sembra a tratti un incrocio tra il primo Distance e Two Lone Swordsmen ma con una pesantezza rock accentuata. Bell'ascolto per gli amanti del genere. Il ritorno degli Antipop Consortium, a diversi anni da "Arrythmia", è un disco solido ed ispirato, non solo una reunion da quattro soldi, grazie davvero... "Fluorescent Black", il titolo, ben riassume il concetto chiave che sta dietro la musica di questi grandi artisti. Oggi però i fari sono tutti puntati su Raekwon, mitico membro dei Wu Gambinos, pardon del Wu Tang Clan, che stasera porta il suo nuovo album sul palco del Kindergarten. E non un disco qualsiasi... A quasi quindici anni dal leggendario "Only Built For Cuban Linx", disco stratosferico, arriva nei negozi il sequel, sempre in compagnia del fido picciotto Ghostface Killah, come all'epoca (vedi foto), più altri del Clan e produttori ovviamente d'eccezione. Ci vediamo lì. Di Mos Def abbiamo già parlato la settimana scorsa: "Roses", con Georgia Anne Muldrow alla voce, è uno dei capolavori tratti da "The Ecstatic". Per chiudere un pezzo dell'ultimo album di Bibio su Warp, "Ambivalence Avenue": in "Fire Ant" si incontrano splendidamente il glitch-hop alla Prefuse con lo stile Boards of Canada... un disco passionale e delicato, in stile cantautoriale, perfetto per l'autunno alle porte.
Un caloroso saluto da Alarico Mantovani, ci risentiamo martedì prossimo, non mancate!

martedì 6 ottobre 2009

Update: scaricate la puntata di lunedì!

Con i nostri potenti mezzi siamo riusciti al volo a mettere su anche il "podcast" della puntata di lunedì. Scaricatela qua.

Thermos del mercoledì: la puntata #1 di "polaroid alla radio"

Qui si rischia di incasinare il flusso temporale delle playlist, ma la sottoscritta e Enzo Baruffaldi non possiedono un senso della puntualità convenzionalmente accettabile, così analogamente al ritardo che contraddistingue il nostro Thermos del mercoledì, vi raccontiamo un po' fuori sincro anche la nostra ultima playlist.
Nello scorso episodio della saga de "Il Thermos con le polaroid dentro" abbiamo parlato di Thin Lizzy, acquerelli sotto i ponti, nerd con troppa groova addosso e di una nuova sindrome da 'rigetto da cover'. Tutte queste inutilia fortunatamente erano condite da un po' di buona musica e dal prezioso intervento della nostra collaboratrice capitolina, La Donna Di Prestigio, che ha cercato di metterci in guardia dall'ormai imminente indigestione da cover. Per tutta risposta, abbiamo subito messo su la cover di My Girls di Taken By Trees. Fiato sprecato.

Questa la nostra playlist, insomma:


TutankamonHave You Ever Been In Love?
Il nuovo progetto di Adam Olenius degli Shout Out Louds, insieme a pezzettini di Concretes, Plan e Peter, Bjorn & John. Chitarrone anni' 70 ad incorniciare la voce di Adam, che per molti, tra cui noi, ormai rappresenta "casa".
The ClienteleI Wonder Who We Are
Il primo singolo, ormai uscito da tempo, del nuovo disco di uno dei nostri gruppi preferiti. Dall'Inghilterra, con tutta la morbidezza che li contraddistingue.
The Pastels / TenniscoatsVivid Youth
Per coerenza, il pezzo più 'soffice' del nuovo album dei Pastels, in collaborazione con una delle band di punta della scena indipendente giapponese.
PhoenixRome (Neighbours with Devendra Banhart remix)
Ogni tanto a Enzo piace mettere un remix per non sentirsi vecchio.
Buzz AldrinSmall Bad Talk With Koala Friends
Il gruppo più acido di tutta Bologna, in concerto lo scorso mercoledì all'Atlantide di Piazza di Porta Santo Stefano.
Mayer HawthorneMake Her Mine
Da Detroit con garbo e con molto stile, Mayer Hawthorne ci ha regalato uno dei debutti più interessanti dell'anno. La traccia più à la Smokey Robinson di "A Strange Arrangement". Classy.
Ray RumoursMeaningless Words
Dalle compiante Electrelane ad un disco che più tenue non si può: delicatissimo indie pop tutto suonato in acutico, per questo nuovo progetto di Ros Murray.
The TunasKickstart Your Heart
Tra i nostri beniamini assoluti da tempo, i Tunas continuano a mietere vittime in città. La sera del 30 settembre sono saliti sul palco del Locomotiv, come vincitori (insieme a Dino Fumaretto e The Narcotics) del contest di Area 51.
CalifoneFuneral Singers
Il nuovo disco dei Califone, in uscita il 6 Ottobre, promette colpi al cuore che aspettavamo da tempo. Questa canzone, dal cui refrain prende il titolo l'album "All My Friends Are Funeral Singers", ha risvegliato il nostro antico amore per la band di Chicago.
Miike SnowAnimal (Mark Ronson remix)
Il dub a casa Polaroid. Incredibile ma vero.
Taken By TreesMy Boys
Victoria Bergsman, già nei Concretes, regala una cover suggestiva dei
Grizzly Bear Animal Collective.
Girls – Laura
Terzo singolo da uno dei debutti più attesi del 2009, l'album eponimo in uscita per Matador. Vincono la classifica dei "nomi di gruppi impossibili da googlare".

Il podcast della puntata del 30 settembre è disponibile sulle pagine di Vitaminic.